Sabato, 23 Ottobre 2021

Giugno 2009 uscita nella natura incontaminata

lagoALLA SCOPERTA DELLA VALVESTINO
Parco naturale alto Garda Bresciano Valvestino
19 - 20 - 21 giugno 2009

tre giorni si svolgono nella valle del torrente Fassane, una laterale del lago di Valvestino, nel territorio del Parco Regionale dell’Alto Garda Bresciano; il torrente scorre all’interno della più vasta foresta demaniale della regione Lombardia caratterizzata da un’alta naturalità e da una presenza antropica pressoché nulla. Grazie a queste caratteristiche, questa porzione di Parco può essere, a ragione, considerata un’area Wildnerness.
La Valvestino è particolarmente importante per la flora, ricca di endemismi, per la fauna e per la presenza di una vastissima ed intricata foresta caratterizzata da pregiate latifoglie.
Il programma delle attività consiste in escursioni naturalistiche alla scoperta dell’ambiente selvaggio della valle e delle caratteristiche flora e fauna, guidate da un Accompagnatore di media Montagna.
Il programma dettagliato prevede:

Venerdì 17: arrivo dei partecipanti, ritrovo presso il parcheggio di Bollone ore 17.30, trasporto (con auto) bagagli dei partecipanti.
Raggiungimento della casa Cascina Fassane a piedi tramite strada sterrata in circa 45’ (3500 m).

Sabato 18: colazione ore 7.30, partenza dalla casa alle ore 8.30 per escursione ad anello, rientro previsto entro le ore 17.30.
Da Cascina Fassane 840 m si prende il sentiero semi abbandonato per il Monte Vesta, raggiunto il monte si prosegue la salita per raggiungere la cima del Monte Carzen 1507 m. Quasi tutto il percorso si svolge nel bosco, tranne gli ultimi 200 m che si percorrono su prati nelle vicinanze del bosco.
Dislivello in salita 700 m e 700 in discesa. Ore di cammino (escluse le soste) 6 ore

Domenica 19: Colazione ore 7.30, pronti per incamminarci ore 8.30.
Cascina Fassane si scende al lago Valvestino da casa Fassane, circa 350 m di dislivello su sentiero semi abbandonato nella selvaggia Valle Fassane; rientro per pranzo e partenza nel primo pomeriggio.
Dislivello in salita 350 m e 350 in discesa. Ore di cammino (escluse le soste) 3 ore

L’alloggio è presso un’antica ed isolata casa di pastori posta su due piani e composta da cucina, bagno, dispensa e due stanze da letto con letti a castello. Si tratta di una struttura risistemata alcuni anni fa, ma sicuramente spartana: è priva di corrente elettrica ma è provvista di acqua corrente e doccia con scaldacqua a legna.

NOTE
L’alimentazione sarà semplice con pasta, uova, formaggi stagionati, salumi, verdura e frutta. Poiché la casa non è provvisto di corrente elettrica, la carne ed i formaggi freschi non possono essere previsti per motivi di conservazione.
Per una buona riuscita del campo è fondamentale la collaborazione di tutti i campisti all’autogestione della struttura .

Il posto è isolato. Il telefono pubblico più vicino si trova nel paese di Bollone, a circa 50 minuti a piedi dalla casa, mentre i telefoni cellulari iniziano a prendere a circa 10’ dalla casa. L’ospedale si trova a Salò (20 km), mentre il medico è a Gargnano (15 km) oppure a Valvestino.

Menu

Venerdì
cena: pasta al pomodoro, frittata con zucchine, castagne arrosto

Sabato
colazione: latte, te, caffé, marmellata, biscotti, muesli, fette biscottate
pranzo: al sacco (panini con formaggio e affettati)
cena: polenta con formaggio, contorno, patate alla brace

Domenica
colazione: latte, te, caffè, marmellata, biscotti, muesli, fette biscottate
pranzo: bruschette con mozzarella/pomodorini, uova sode, insalata, formaggi, affettati

Il menu è modificabile/incrementabile in base alla vostre esigenze.
Nel menu, a parte gli affettati, non è prevista altra carne perchè non essendoci elettricità non c’è il frigo e ciò crea problemi di conservazione alla carne fresca, inoltre e soprattutto essendo vegetariano non so cucinare la carne. Chi non riesce a rinunciare alla carne, consiglio di portarsela tenendo presente che dovranno anche cucinarla.
Inoltre, se qualcuno di voi desiderasse cucinare una propria ricetta e mettersi nei panni del cuoco è il benvenuto.
Naturalmente, quando andrò a fare la spesa, comprerò altri alimenti non elencati nel menu, come cioccolato, scatolame (piselli, fagioli), frutta ecc.

Cosa portare

  • magliette di ricambio
  • calze
  • mutande
  • pantaloni lunghi
  • pile / maglione
  • berretto
  • giacca per la pioggia / mantella
  • giacca a vento
  • scarponi
  • ciabatte

VARIE

  • zaino per le gite in giornata da 30/40 litri
  • borraccia o bottiglia da almeno 1 litro
  • occhiali da sole
  • bastoncini telescopici (per chi li ha)
  • coprizaino per la pioggia
  • coltellino
  • macchina fotografica (eventuale)
  • documenti (anche la tessera sanitaria)
  • cellulare
  • asciugamano
  • prodotti per l’igiene personale biodegradabili al 100% (sapone, spazzolino, dentifricio, pettine, shampoo, crema da barba, rasoio ecc)
  • binocolo (eventuale)
  • torcia
  • saccoapelo

Indicazioni stradali per raggiungere Bollone

Le indicazioni stradali per raggiungere Bollone (paese dove si lascia la macchina per andare a Cascina Fassane-casa del WWF/ERSAF).
Autostrada A4, uscire a Brescia Est, seguire per Salò.
Raggiunta Salò, si prosegue costeggiando il lago di Garda (gardesana occidentale), dopo il cartello che indica il comune di Gargnano si trova la svolta a sx per la Valvestino (dalla svolta, per raggiungere Bollone ci vogliono circa 30').
Raggiunto il lago Valvestino lo si costeggia fino ad arrivare alla frazione Molino di Bollone (sono due case ai lati della strada, di cui quella a dx è un bar/trattoria), si prosegue, dopo circa 200 m si trova la svolta a sx per Bollone.
Lasciata l'auto a Bollone si torna indietro, dal primo tornante che si incontra parte la strada sterrata che conduce a Cascina Fassane (casa WWF dove si alloggia). Dopo 3500 m si giunge alla casa.
Percorrendo la strada indicata, Bollone dista da Milano circa 150 km.

Nota bene: la frazione di Molino di Bollone è talmente piccola che in molte carte stradali non è segnata.

Domanda di partecipazione

Foto satellitare del percorso

[30 maggio 2007]